Legge sull'impiego della coercizione

Parole chiave: Rimpatrio | Misure coercitive

Di che cosa si tratta?

In seguito ad alcuni incidenti accaduti in occasione dei rinvii forzati la Conferenza dei direttori cantonali di giustizia e polizia (CDCGP) ha deciso d'emanare a titolo di misure d'urgenza delle raccomandazioni all'attenzione degli organi d'esecuzione e ha chiesto al DFGP di preparare una normativa federale in materia. La legge federale sull'impiego della coercizione di polizia vuole garantire che un eventuale impiego della coercizione di polizia sia proporzionato, ossia adeguato alle circostanze, e rispetti nella misura del possibile l'integrità delle persone interessate. I disciplinamenti si applicano pure ai trasporti coatti di detenuti all'interno del nostro Paese su mandato delle autorità federali.

Cos’è stato fatto finora?

  • Il 24 novembre 2004, il DFGP invia in consultazione l'avamprogetto relativo a una legge federale sull'impiego della coercizione di polizia (comunicato per i media).
  • Il 26 ottobre 2005, il Consiglio federale prende atto dei risultati della procedura di consultazione ed incarica il DFGP di elaborare un messaggio (comunicato per i media).
  • Il 18 gennaio 2006 il Consiglio federale licenzia il messaggio concernente la legge sull'impiego della coercizione (comunicato per i media).
     
  • Deliberazioni parlamentari (06.009)
     
  • Il 22 maggio 2008 il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) apre l'indagine conoscitiva relativa all’ordinanza sulla coercizione. Il termine per prendere posizione scade il 15 agosto 2008 (comunicato per i media).
  • Il Consiglio federale fissa l’entrata in vigore della legge sull’impiego della coercizione e delle disposizioni di esecuzione al 1° gennaio 2009 (comunicato per i media).
  • Il 16 febbraio 2011 il Consiglio federale pubblica un rapporto sulla valutazione dei dispositivi inabilitanti (comunicato per i media).

Documentazione

Risultati della procedura di consultazione

*

Ordinanza

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 16.02.2011

Contatto

Colette Rossat-Favre Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 462 41 66
Contatto