Ripercussioni della Brexit sulla Convenzione di Lugano

La seguente panoramica riassume le ripercussioni della Brexit sulla Convenzione di Lugano: illustra l’impatto della Brexit sui procedimenti civili pendenti e sul riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni secondo l’Ufficio federale di giustizia (UFG). I giudici e altre autorità non sono vincolati dalle valutazioni dell’UFG.

Fase di transizione

In caso di uscita "regolata" del Regno Unito dall’Unione europea (accordo sulla fase di transizione), la Convenzione di Lugano continuerà ad applicarsi al Regno Unito durante il periodo transitorio. Fino alla fine di questo periodo, il Regno Unito deve continuare a essere trattato alla stregua di uno Stato vincolato alla Convenzione di Lugano, come si evince dall’accordo tra l’Unione europea e il Regno Unito sull’uscita.

Per le parti in Svizzera ciò significa che, durante la fase di transizione, la competenza giurisdizionale nonché il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni continueranno ad essere retti dalla Convenzione di Lugano.

Una nuova adesione alla Convenzione di Lugano è possibile

Sin dalla sua uscita, il Regno Unito può presentare in ogni momento una domanda di adesione indipendente alla Convenzione di Lugano. L’adesione richiede il consenso di tutte le parti contraenti (Danimarca, UE, Islanda, Norvegia, Svizzera). La Svizzera accoglie con favore l'intenzione del Regno Unito di aderire alla Convenzione di Lugano e sosterrà una richiesta di adesione del Regno Unito.

Relazioni future

Se il Regno Unito e l’UE non dovessero trovare un accordo, o se il Regno Unito non dovesse aderire alla Convenzione di Lugano, la Convenzione di Lugano non sarebbe più applicabile al Regno Unito dalla data dell’uscita.

Da tale momento, la competenza nonché il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni nelle relazioni tra la Svizzera e il Regno Unito tornano a essere rette dal diritto nazionale. Sono fatti salvi eventuali trattati internazionali che valgono tra i due Stati, come ad esempio la Convenzione dell’Aia del 1973 concernente il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia di obbligazioni alimentari.

Sia in Svizzera sia nel Regno Unito, la probabile situazione giuridica secondo il diritto nazionale può essere riassunta come segue:

  • ­la competenza è retta in Svizzera dalla legge federale sul diritto internazionale privato (LDIP) e nel Regno Unito dalle common rules law;
     
  • ­per le procedure avviate secondo la Convenzione di Lugano ancora pendenti nel momento dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, i giudici e le autorità adite rimangono competenti anche se, secondo il diritto nazionale, la competenza non sarebbe più fondata. Ciò risulta dai principi generali del diritto processuale civile (diritti acquisiti, divieto della retroattività e principio della certezza del diritto), come anche dall’articolo 63 della Convenzione di Lugano e dall’articolo 197 LDIP;
     
  • il riconoscimento e il decreto di esecutorietà delle decisioni pronunciate prima dell’uscita continuano a essere rette dalla Convenzione di Lugano anche dopo l’uscita. Ciò risulta dai citati principi del diritto processuale civile. Quanto detto vale anche per le decisioni pronunciate dopo l’uscita, a condizione che i relativi procedimenti fossero pendenti prima di tale momento.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 29.01.2020

Contatto

Settore Diritto internazionale privato
T
+41 58 463 88 64
Contatto