Convenzione europea sui diritti dell’uomo e la biomedicina

Di che cosa si tratta?

In un mondo caratterizzato dalla globalizzazione e dalla grande mobilità delle persone, il legislatore nazionale ha solamente ancora un margine d’influsso limitato per quanto attiene alla medicina. I divieti vigenti in uno Stato possono essere aggirati troppo facilmente con un viaggio in un altro Stato. Per tale motivo è tanto più importante che gli Stati professino insieme determinati principi e affrontino uniti le nuove sfide. Questo è l’obiettivo perseguito dalla Convenzione sui diritti dell’uomo e la biomedicina del 4 avrile 1997 che concretizza e sviluppa i diritti fondamentali dei quali occorre tenere conto nel settore della medicina umana. E‘ la prima volta che esiste un accordo a livello internazionale che sancisce norme giuridiche vincolanti per il settore della medicina. I precedenti strumenti internazionali si sono limitati, per quanto attiene alle questioni relative alla medicina, a rilasciare dichiarazioni o raccomandazioni in forma non vincolante.

Cos’è stato fatto finora?

  • Il 28 settembre 1998, il Consiglio federale autorizza il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) a procedere alla consultazione relativa alla Convenzione europea sui diritti dell'uomo e la biomedicina nonché il protocollo aggiuntivo sul divieto di clonazione di esseri umani (comunicato per i media in tedesco o francese).
  • Il 28 aprile 1999, il Consiglio federale prende conoscenza dei risultati della procedura di consultazione (comunicato per i media).
  • Il 12 settembre 2001, il Consiglio federale licenzia il messaggio concernente la ratificazione della Convenzione europea sui diritti dell'uomo e la biomedicina nonché del protocollo aggiuntivo sul divieto di clonazione di esseri umani (comunicato per i media).
     
  • Deliberazione parlamentare (02.065)
    Documento in tedesco
    Documento in francese
     
  • Il 1° novembre 2008 la Convenzione europea sui diritti dell'uomo e la biomedicina nonché il protocollo aggiuntivo sul divieto di clonazione di esseri umani entrono in vigore per la Svizzera.
  • Nell’autunno 2009 il DFGP e il DFI convengono che la responsabilità per la legge (richieste concernenti l’interpretazione, interventi parlamentari ecc.) passa dall’Ufficio federale di giustizia all’Ufficio federale della sanità pubblica.

Documentazione

Comunicati

Per visualizzare i comunicati stampa è necessaria Java Script. Se non si desidera o può attivare Java Script può utilizzare il link sottostante con possibilità di andare alla pagina del portale informativo dell’amministrazione federale e là per leggere i messaggi.

Portale informativo dell’amministrazione federale

Ultima modifica 17.01.2005

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 41 82
F +41 58 462 78 79
Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
T +41 58 463 51 54
F +41 58 462 62 33
Biomedizin@bag.admin.ch

Stampare contatto

https://www.metas.ch/content/bj/it/home/gesellschaft/gesetzgebung/archiv/biomedizin.html