Adozioni illegali

Già nel suo messaggio del 1999 sulla ratifica da parte della Svizzera della Convenzione dell’Aia del 1993 sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale, il Consiglio federale ha fatto riferimento agli abusi denunciati da anni a livello internazionale. I bambini adottati negli anni 80 e 90 sono oggi adulti. Alcuni di loro si sono messi alla ricerca delle loro origini, portando alla luce delle pratiche illecite nell’ambito delle loro adozioni. Oggigiorno, tutti i paesi di accoglienza di bambini adottati sono confrontati a queste questioni.

Rapporto sulle adozioni illegali dallo Sri Lanka negli anni 1980

Il 16 marzo 2018, il Consiglio nazionale ha accolto il Postulato Ruiz 17.4181 "Fare luce sulle adozioni illegali dalla Svizzera di bambini provenienti dallo Sri Lanka negli anni Ottanta". Il postulato incarica il Consiglio federale di esaminare, in collaborazione con i Cantoni, le pratiche degli intermediari privati nonché delle autorità cantonali e federali concernenti le adozioni di bambini provenienti dallo Sri Lanka negli anni 1980.

Il rapporto del Consiglio federale, la cui pubblicazione è prevista per la fine del 2020, avrà, in linea di principio, tre obiettivi principali:

  • Uno studio storico del quadro normativo dell’epoca e delle pratiche delle autorità e degli intermediari privati. A tal fine, è stato dato alla Scuola universitaria professionale di Zurigo (ZHAW) il mandato di stabilire un rapporto indipendente che copra il periodo tra il 1973 e il 1997.
  • Il sostegno delle persone interessate nella ricerca delle loro origini.
  • Un’analisi del quadro normativo attuale relativo alle procedure internazionali di adozione e delle raccomandazioni sulle pratiche e sul quadro legislativo attuale e futuro.

Al fine di garantire un’analisi quanto più ampia possibile è stato costituito un gruppo di accompagnamento per sostenere i lavori della Confederazione. Il gruppo riunisce dei rappresentanti dei Cantoni, dei rappresentanti dell’organizzazione di persone interessate "Back to the Roots" e una rappresentante della politica.

Impegno della Confederazione per la ricerca delle origini

La Confederazione s’impegna con i cantoni al fine di sostenere gli adottati nella ricerca delle loro origini. A tal fine, l’UFG e la CDDGP hanno previsto di costituire un gruppo di lavoro specificamente per la ricerca delle origini, che non sarà limitato allo Sri Lanka.

Inoltre, su iniziativa della Svizzera, un gruppo di Stati europei e lo Sri Lanka si sono messi d’accordo su un protocollo di collaborazione per il trattamento delle richieste di ricerca delle origini nello Sri Lanka. Le persone adottate che desiderano mandare una domanda nello Sri Lanka sono pregate di rivolgersi al Servizio d’informazione del loro cantone di domicilio.

Impegno della Confederazione contro le adozioni illegali

Nell’ambito della Conferenza dell’Aia, la Svizzera s’impegna in un Gruppo di lavoro sulla prevenzione di pratiche illecite in materia di adozione internazionale e il modo di rimediarvi.

Documentazione

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 27.02.2020