Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla trasmissione d’imprese per via successoria

Berna, 10.06.2022 - Il Consiglio federale intende agevolare la trasmissione d’imprese per via successoria in seno alla famiglia. Nella seduta del 10 giugno 2022 ha adottato il messaggio su una pertinente modifica del Codice civile (CC). La riforma vuole in particolare contribuire a una maggiore stabilità delle PMI svizzere e garantire posti di lavoro.

Il 1° gennaio 2023 entreranno in vigore alcune modifiche del diritto successorio: il testatore potrà in futuro disporre liberamente di una parte maggiore della sua successione. Tra le conseguenze della riduzione della porzione legittima vi sarà anche una maggiore flessibilità nella trasmissione d'imprese per via successoria, per cui risulterà più facile trasferire un'impresa a un nuovo titolare. Per incentivare ulteriormente tale trasmissione, nel messaggio adottato il 10 giugno 2022 il Consiglio federale propone diverse misure.

Agevolare la trasmissione d'imprese per via successoria in seno alla famiglia

Un erede deve poter rilevare l'impresa, anche se il defunto non ha preso alcuna disposizione in merito. In futuro il giudice potrà, su richiesta e a determinate condizioni, attribuire l'intera impresa a un erede. In tal modo si intende evitare la frammentazione o la chiusura in particolare delle piccole e medie imprese (PMI).

Nell'attribuzione va tenuto conto delle quote ereditarie degli altri eredi. Il Consiglio federale propone una dilazione di pagamento per il caso in cui chi rileva l'impresa abbia problemi a compensare immediatamente gli altri eredi. Si vuole così evitare che il rilevamento dell'impresa crei problemi di liquidità.

Inoltre, il disegno del Consiglio federale stabilisce regole specifiche riguardo al valore d'imputazione dell'impresa nell'ambito della divisione dell'eredità, prevedendo, a determinate condizioni, la possibilità di imputare un'impresa attribuita mentre l'ereditando era in vita al valore nel momento dell'attribuzione. In tal modo si vuole tenere conto del rischio imprenditoriale assunto dal rilevatario dell'impresa. Nel contempo si evita di svantaggiare gli altri eredi per quanto riguarda i beni che possono senz'altro essere separati dall'impresa, perché nella valutazione dell'impresa si tiene conto degli elementi patrimoniali che sono necessari all'esercizio e di quelli che non lo sono.

Protezione degli eredi legittimari

Il disegno del Consiglio federale prevede normative particolari per proteggere gli eredi che ricevono soltanto la legittima. In linea di massima è infatti esclusa la possibilità di attribuire loro, contro la loro volontà, la legittima sotto forma di partecipazione minoritaria a un'impresa. In caso di legati o liberalità tra vivi riguardanti partecipazioni in un'impresa, viene inoltre favorita la riunione delle partecipazioni minoritarie e maggioritarie.

Effetti positivi per l'economia

Ogni anno fino a 16 000 imprese devono affrontare una successione. Secondo le stime, 3400 di queste possono andare incontro a problemi di finanziamento a causa della normativa di diritto successorio. Le misure proposte vogliono contrastare tale fenomeno e rafforzare la piazza economia svizzera. Infine, i provvedimenti contribuiscono anche a una maggiore stabilità delle imprese e quindi a garantire posti di lavoro.


Indirizzo cui rivolgere domande

Alexandre Brodard, Ufficio federale di giustizia, T +41 58 465 88 61



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

Ultima modifica 17.12.2021

Inizio pagina

Abonnarsi ai comunicati

https://www.ekm.admin.ch/content/bj/it/home/aktuell/mm.msg-id-89219.html