Registro fondiario: ricerca di fondi su scala nazionale grazie al numero AVS

Berna, 14.10.2020 - In futuro, per mezzo del numero AVS, un’autorità abilitata potrà accertare, mediante un servizio di ricerca di fondi su scala nazionale, se una persona è iscritta nel registro fondiario e verificare i diritti che quest’ultima possiede. Questo è quanto prevede la revisione dell’ordinanza sul registro fondiario che il Consiglio federale ha posto in consultazione il 14 ottobre 2020 e con cui attua le pertinenti decisioni del Parlamento.

La revisione dell'ordinanza sul registro fondiario (ORF) disciplina, da una parte, l'uso del numero AVS per identificare le persone nel registro fondiario e, dall'altra, la ricerca di fondi su scala nazionale da parte delle autorità. Il 15 dicembre 2017 il Parlamento aveva approvato la modifica del Codice civile (CC) riguardante gli atti dello stato civile e il registro fondiario. La revisione dell'ORF intende attuare le modifiche del 15 dicembre 2017 del CC nel settore del registro fondiario (art. 949b e 949c CC).

Certezza del diritto grazie alla revisione

In futuro tutte le persone fisiche potranno essere identificate dagli uffici del registro fondiario mediante l'attribuzione del numero AVS. Ciò permetterà di stabilire con certezza i diritti e gli obblighi di una persona in base a quanto riportato nel registro fondiario, ossia se è ad esempio proprietaria di un immobile o se è titolare di un diritto di passo o di pegno.

Inoltre, l'introduzione del numero AVS per identificare le persone nel registro fondiario consente la ricerca efficiente di fondi su scala nazionale. Attualmente, a seconda delle circostanze, le autorità abilitate devono cercare in ogni singolo Cantone eventuali diritti e obblighi iscritti nel registro fondiario. L'identificazione univoca delle persone e la ricerca di fondi su scala nazionale creano certezza del diritto e agevolano il compito delle autorità. Queste nuove possibilità sono utili soprattutto nelle procedure di esecuzione e fallimento o nella ricerca di valori patrimoniali ottenuti illecitamente. Per tenere conto della protezione dei dati personali sensibili, il nuovo disciplinamento è stato adeguato agli sviluppi della legislazione sulla protezione dei dati.

Nuovo servizio di ricerca di fondi su scala nazionale della Confederazione

In Svizzera non esiste un registro fondiario centrale e spetta quindi ai Cantoni organizzare e gestire i propri uffici del registro fondiario. Tuttavia, per agevolare la ricerca di fondi su scala nazionale, il Consiglio federale intende istituire, a partire dal 2022, un servizio nazionale di ricerca di fondi che sarà gestito dalla Confederazione e per la precisione dall'Ufficio federale per il diritto del registro fondiario e del diritto fondiario. Il servizio di ricerca non conterrà dati del registro fondiario poiché si limiterà a trasmettere, mediante un canale criptato, le richieste delle autorità ai sistemi cantonali del registro fondiario. Non sarà nemmeno possibile consultare estratti completi dal registro fondiario. Per l'uso del servizio di ricerca di fondi sarà riscosso un emolumento.

La consultazione relativa alla revisione dell'ordinanza sul registro fondiaria dura fino al 1° febbraio 2021.


Indirizzo cui rivolgere domande

Francesco Macrì, Ufficio federale di giustizia (UFG), T +41 58 462 41 76, francesco.macri@bj.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

Ultima modifica 11.06.2020

Inizio pagina

Abonnarsi ai comunicati

https://www.bj.admin.ch/content/bj/it/home/aktuell/mm.msg-id-80702.html