L'iscrizione nel registro cantonale degli avvocati presuppone l'ottenimento di un diploma di master

Berna. In futuro, per iscriversi nel registro cantonale degli avvocati sarà necessario aver concluso studi di diritto presso un’università svizzera, con l’ottenimento di un diploma di master o , come finora, di una licenza. Per l’ammissione al praticantato basta per contro il diploma di bachelor. Il Consiglio federale ha fissato l’entrata in vigore della legge sugli avvocati adeguata al modello di Bologna per il 1° gennaio 2007.

La revisione prevede anche tre modifiche minori. Per gli avvocati che hanno subito una condanna penale, la condizione dell’iscrizione nel registro sarà adeguata alle nuove norme in materia di casellario giudiziale. Nell’ambito dell’assicurazione contro le conseguenze della responsabilità professionale dell’avvocato è ora richiesto un importo minimo assicurato pari a un milione di franchi l’anno. In vece dell’assicurazione contro le conseguenze della responsabilità professionale possono inoltre essere fornite altre garanzie. Infine anche le autorità giudiziarie e amministrative cantonali saranno obbligate a segnalare all’autorità di vigilanza gli avvocati che non adempiono più le condizioni personali per l’iscrizione nel registro. Finora occorreva comunicare soltanto le violazioni delle regole professionali.

Secondo il modello di Bologna in due cicli, in futuro gli studenti delle università svizzere termineranno i loro studi con un cosiddetto bachelor o master invece che con l’attuale licenza. Di norma il bachelor è acquisito dopo tre anni, il master dopo un altro anno e mezzo di studio. Finora 45 Paesi (tra cui anche la Svizzera) hanno firmato la Dichiarazione di Bologna tesa a migliorare la comparabilità degli studi universitari e a promuovere la mobilità degli studenti.

Ultima modifica 30.10.2006

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Jeanne Ramseyer
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 83 98
F +41 58 462 78 79

Stampare contatto

https://www.sem.admin.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2006/2006-10-30.html