La legge sull'aiuto alle vittime di reati sarà oggetto di un'ampia revisione

Berna, 09.11.2005. Le vittime di reati in Svizzera continueranno a ricevere consulenza, indennizzo e riparazione morale. Tuttavia l’ammontare della riparazione morale verrà limitato. Per i reati perpetrati all’estero non saranno più pagati né indennizzi né riparazioni morali. Mercoledì, il Consiglio federale ha licenziato il messaggio concernente la revisione totale della legge federale concernente l’aiuto alle vittime di reati (LAV).

La legge concernente l’aiuto alle vittime (LAV), entrata in vigore nel 1993, soddisfa una reale esigenza e ha dato nel complesso buoni risultati. La revisione totale colma ora diverse lacune e migliora la struttura della legge.

La riparazione, originariamente prevista come eccezione e disciplinata soltanto in parte, nella pratica ha avuto maggiore importanza dell’indennizzo. Le vittime di reati riceveranno anche in futuro una riparazione morale, che però sarà delimitata da un tetto massimo. Il Consiglio federale propone un importo massimo di 70'000 franchi per le vittime e di 35'000 franchi per i congiunti. Il valore massimo per gli indennizzi sarà adeguato al rincaro e sarà pari a 120'000 franchi.

Aiuto limitato alle vittime di reati perpetrati all’estero

La concessione di prestazioni per reati avvenuti all’estero pone numerosi problemi di ordine pratico. In particolare, è spesso difficile accertare i fatti e stabilire se si è in presenza di un reato. Pertanto in futuro saranno soppressi l’indennizzo e la riparazione morale per i reati perpetrati all’estero. Le vittime e i loro congiunti domiciliati in Svizzera avranno in compenso diritto alle prestazioni fornite dai consultori, che potranno scegliere liberamente.

Termini più lunghi per le vittime minorenni

Il termine per il deposito di una domanda di indennizzo e di riparazione morale passa da due a cinque anni. Per i minori vittime di reati gravi, in particolare contro l’integrità sessuale, è prevista una norma speciale. Possono infatti presentare una domanda fino al 25° anno d’età.

Inoltre sarà operata una distinzione più chiara tra l’aiuto a lungo termine fornito dai consultori e l’indennizzo. Attualmente i due provvedimenti in parte si sovrappongono. Il disegno di legge prevede che l’aiuto a lungo termine vada concesso fintanto che lo stato di salute della vittima non si sia stabilizzato e le altre conseguenze del reato siano state per quanto possibile eliminate o compensate. L’indennizzo copre invece i costi medici e di cura dopo la stabilizzazione dello stato di salute della vittima, nonché la perdita di guadagno, la perdita di sostegno e le spese per il funerale.

La legge attuale si basa sui tre pilastri della consulenza, della prestazione finanziaria e della protezione particolare delle vittime nel procedimento penale. La revisione della LAV mantiene questa impostazione. Tuttavia le disposizioni per la protezione delle vittime nel procedimento penale verranno successivamente integrate nel Codice di procedura penale svizzero.

Documenti

Ultima modifica 09.11.2005

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 48 48

Stampare contatto

https://www.bj.admin.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2005/2005-11-090.html