Prevista una regolamentazione di legge in materia di eutanasia passiva e di eutanasia attiva indiretta

Il Consiglio federale si pronuncia in favore di una esplicita regolamentazione di legge sull'eutanasia passiva e sull'eutanasia attiva indiretta. Per contro non intende modificare la disposizione penale sull'eutanasia attiva diretta, ma ribadisce in proposito la necessità di sfruttare al massimo le possibilità offerte dalla medicina e dalle cure palliative. In tal modo il Consiglio federale risponde alla mozione Ruffy, presentata nel 1994, e trasformata successivamente in postulato.

Il diritto vigente (art. 114 del Codice penale) commina una pena per l'omicidio su richiesta, vale a dire l'eutanasia attiva diretta. Per contro, l'eutanasia attiva indiretta non è disciplinata né nel Codice penale, né in un'altra legge. Vi è eutanasia attiva indiretta quando per lenire le sofferenze si somministrano sostanze i cui effetti secondari possono ridurre la durata della sopravvivenza. Il corpo medico ammette questa forma di eutanasia e la pratica in casi eccezionali. Essa è d'altronde trattata nelle pertinenti Direttive dell'Accademia svizzera delle scienze mediche. Anche l'eutanasia passiva, vale a dire la rinuncia a mettere in atto i provvedimenti necessari al mantenimento in vita o l'interruzione di tali provvedimenti, è ammessa secondo le citate Direttive e praticata nel nostro Paese.

Il Consiglio federale segue in tal modo il parere del gruppo di lavoro "Eutanasia" che raccomanda di disciplinare in una legge queste due forme di eutanasia (passiva e attiva indiretta). Secondo il Consiglio federale l'eutanasia concerne la vita e pertanto il bene giuridico supremo. Ne consegue che la definizione dei limiti fra omicidio lecito e omicidio illecito spetta al legislatore democraticamente legittimato e non alle autorità scientifiche mediche. Una chiara legislazione presenterebbe inoltre il vantaggio di garantire l'uguaglianza giuridica e la certezza del diritto.

L'eutanasia attiva diretta rimane vietata

La medicina ha fatto grandi progressi e l'eutanasia in generale è diventato un problema della nostra società, di cui si discute apertamente. Si tratta dunque di adeguare il diritto alla realtà senza tuttavia rimettere in discussione il divieto dell'eutanasia attiva diretta. Il Consiglio federale, dopo approfondita valutazione e tenuto conto dei fondamenti cristiani della nostra società, rinuncia a qualsiasi allegerimento della norma in vigore.

Ovviamente il Consiglio federale ritiene indispensabile poter offrire ai pazienti incurabili che sono in fin di vita e che chiedono l'eutanasia attiva diretta i mezzi e le possibilità per lenire le loro sofferenze. È pertanto d'avviso che sia assolutamente necessario sfruttare tutte le risorse della medicina e delle cure palliative. Infatti i nuovi metodi di cura dei pazienti in fin di vita sono ancora relativamente sconosciuti: devono pertanto essere in ogni caso integrati nel sistema di formazione dei futuri medici.

Auspicata discussione in sede parlamentare

Mercoledì, il Consiglio federale, che già in gennaio prese atto del rapporto del gruppo di lavoro "Eutanasia", ha trasmesso il proprio rapporto al Parlamento come risposta al postulato Ruffy. Nel postulato si chiedeva una modifica delle disposizioni penali relative all'eutanasia, che tenesse meglio conto della situazione dei malati incurabili in fin di vita. Considerata l'importanza della questione, il Consiglio federale auspica che il dibattito sull'eutanasia si svolga anche davanti al Parlamento.

Ultima modifica 05.07.2000

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 48 48

Stampare contatto

https://www.bj.admin.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2000/2000-07-050.html