La corruzione di agenti stranieri è punibile

Il diritto penale in materia di corruzione, licenziato dalle Camere federali durante la scorsa sessione invernale, entra in vigore il 1° maggio 2000. Diventa così punibile la corruzione di agenti stranieri. Oltre a questa fattispecie la revisione colma altre lacune esistenti nel vigente diritto penale: la corruzione di agenti svizzeri è punita in modo più severo e sottoposta a un termine di prescrizione più lungo. Punibili sono anche la concessione e l'accettazione di profitti in vista dell'adempimento delle funzioni di servizio. In questo modo è possibile combattere già sul nascere i rapporti corruttivi.

Adesione della Svizzera alla Convenzione dell'OCSE

Con l'introduzione della nuova norma penale sulla corruzione di agenti stranieri, la Svizzera può parimenti eseguire l'adesione - decisa anch'essa nella scorsa sessione invernale - alla Convenzione dell'OCSE sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle operazioni economiche internazionali. Detta Convenzione, conclusa e firmata alla fine del 1997 da parte di 34 Stati, rappresenta uno strumento centrale per una lotta più efficiente contro la corruzione internazionale. Nel frattempo è stata ratificata da 20 Stati. Aderendovi, la Svizzera si assume la sua responsabilità nella lotta contro la corruzione transfrontaliera.

Ultima modifica 29.03.2000

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Ernst Gnägi
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 40 81
F +41 58 462 78 79

Stampare contatto

https://www.bj.admin.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2000/2000-03-293.html