Votazione del 18 maggio 2003: Iniziativa popolare «Parità di diritti per i disabili»

Vale il testo parlato

Gentili Signore, egregi Signori,

l'iniziativa popolare "Parità di diritti per i disabili" è stata chiaramente respinta. Il presente risultato non significa in alcun modo un "no" degli Svizzeri alla causa dei disabili nel nostro Paese. La parità di diritti per i disabili è l'obiettivo degli iniziativisti e dei loro oppositori.

La maggioranza dei votanti ha fiducia nella legge sui disabili, la quale fa suoi i principali obiettivi dell'iniziativa e costituisce per loro anche una buona base per accogliere i legittimi interessi dei disabili. Le richieste presentate dall'iniziativa sono state ritenute chiaramente esagerate dai votanti.

L'iniziativa "Parità di diritti per i disabili" è stata respinta ma ha tuttavia un grande merito, ossia quello di aver avviato un cambiamento di mentalità e di aver favorito il dialogo e la sensibilità tra disabili e non disabili.

La decisione odierna dimostra la disponibilità di fare un grande e necessario passo in avanti con la legge, un passo che comporterà anche dei costi. Ma dimostra parimenti che i votanti hanno anche tenuto in debito conto gli interessi anch'essi legittimi di altre cerchie della popolazione, come per esempio quelli dei commercianti, dei proprietari di costruzioni accessibili al pubblico e dei fornitori di prestazioni. L'esito della votazione odierna è anche un segnale per un forte impegno dell'ente pubblico che deve assumere un ruolo esemplare. In questo senso anche i privati sono chiamati ad agire.

Grazie alla legge sui disabili il nostro ordinamento giuridico si pone al passo con i tempi e può senz'altro sostenere il confronto con l'estero.

Ciononostante i disabili dovranno dare prova di pazienza: non tutto sarà perfetto già a partire da domani.

Nel suo insieme la campagna per la votazione è stata condotta in modo leale. Sono pertanto fiduciosa che le parti in causa, i disabili e i non disabili, si adopereranno mano nella mano per l'attuazione della legge sui disabili.

La legge sui disabili entra in vigore il 1° gennaio del 2004. Sarà poi nostro compito analizzare a scadenze regolari le esperienze acquisite con gli strumenti e i provvedimenti che la legge introduce e, all'occorrenza, adeguare la legge a nuove esigenze. Da parte mia vi garantisco fin da oggi che, grazie alla nuova legge, la causa dei disabili sarà perorata nella miglior misura possibile.

Ultima modifica 18.05.2003

Inizio pagina