Scambio più rapido di impronte digitali e di profili del DNA tra le autorità di polizia

Il rapido confronto di profili del DNA e di impronte digitali è di essenziale importanza per procedere nelle indagini di polizia e stabilire le correlazioni tra diversi casi, sia a livello nazionale che internazionale. Affinché le autorità di polizia possano individuare rapidamente quali Paesi dispongono di informazioni utili per le indagini e le ricerche, in occasione della sua seduta del 13 dicembre 2019, il Consiglio federale ha avviato la procedura di consultazione concernente l’approvazione e la trasposizione nel diritto svizzero di tre accordi di cooperazione internazionale.

Per ottenere informazioni sui profili del DNA e sulle impronte digitali, oggi le autorità di polizia svizzere non possono usufruire di un collegamento con i sistemi d’informazione nazionali di altri Paesi europei, ma devono rivolgersi a ogni Paese singolarmente, senza sapere se uno di essi dispone di informazioni pertinenti.

Un accordo di cooperazione (detta: «cooperazione Prüm») permette di colmare questa lacuna, collegando determinati sistemi d’informazione svizzeri (profili del DNA, impronte digitali e dati sui veicoli) con quelli degli altri Paesi europei. Tale collegamento permetterà a fedpol di individuare rapidamente le autorità estere in possesso di informazioni rilevanti. La cooperazione permetterà di aumentare l’efficacia delle attività di indagine, ma anche di identificare e localizzare persone ricercate, scomparse o decedute e di ottenere informazioni al loro riguardo.

Estensione dell’accesso alla banca dati Eurodac

Un secondo accordo di cooperazione (Protocollo Eurodac) permetterà alle autorità di perseguimento penale di accedere al sistema d’informazione contenente le impronte digitali di persone che presentano una domanda d’asilo in uno Stato partecipante al sistema di Dublino o che sono arrestate mentre cercano di entrare illegalmente nello spazio Dublino. Tale accesso sarà limitato alla prevenzione e all’accertamento di reati penali gravi o di reati terroristici nonché alle relative indagini. Lo scambio automatizzato di impronte digitali e profili del DNA (cooperazione Prüm) è il presupposto per l’accesso a Eurodac da parte delle autorità di perseguimento penale.

Infine, analogamente alla cooperazione Prüm, l’Accordo PCSC mira ad aumentare l’efficacia della cooperazione di polizia tra la Svizzera e gli Stati Uniti d’America introducendo uno scambio automatizzato di dati sul DNA e di impronte digitali.

In occasione della sua seduta del 13 dicembre 2019, il Consiglio federale ha avviato la procedura di consultazione in vista della ratifica dei tre accordi nonché delle modifiche legislative necessarie per la loro attuazione.

Ultima modifica 13.12.2019

Inizio pagina

Contatto

Comunicazione fedpol
Guisanplatz 1A
CH-3003 Berna
M +41 58 463 13 10

Stampare contatto

https://www.ejpd.admin.ch/content/ejpd/it/home/aktuell/news/2019/2019-12-131.html