La Convenzione di Lugano 2007

La Convenzione concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale (Convenzione di Lugano, CLug; RS 0.275.12) è stata conclusa a Lugano il 30 ottobre 2007 ed è stata firmata dalla Confederazione Svizzera, dalla Comunità europea, dal Regno di Danimarca, dal Regno di Norvegia e dalla Repubblica d’Islanda. Succede alla Convenzione di Lugano del 16 settembre 1988 concernente la competenza giurisdizionale e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale (RS 0.275.11), ragion per cui spesso si parla di Convenzione di Lugano riveduta. Nel contempo rappresenta l’accordo parallelo al regolamento (CE) n. 44/2001 del Consiglio del 22 dicembre 2000 concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale (Regolamento Bruxelles I).

Per l’Unione europea, la Danimarca e la Norvegia la Convenzione di Lugano 2007 è entrata in vigore il 1° gennaio 2010, per la Svizzera il 1° gennaio 2011. Per l’Islanda è entrata in vigore il 1 maggio 2011.

Il rapporto esplicativo ufficiale relativo alla Convenzione di Lugano 2007 è stato redatto dal professor Fausto Pocar.

Conformemente all’articolo 3 paragrafo 3 del Protocollo n. 2 alla Convenzione di Lugano 2007, fino a nuovo ordine la Corte di giustizia delle Comunità europee è responsabile dello scambio di informazioni in merito alle decisioni emanate in applicazione delle due Convenzioni di Lugano del 1988 e del 2007 (nonché degli strumenti giuridici menzionati nell’art. 64).

Conformemente all’articolo 4 del Protocollo n. 2 alla Convenzione di Lugano 2007 è istituito un comitato permanente, che può essere integrato da un consiglio di esperti conformemente all’articolo 5 del Protocollo n. 2 alla Convenzione di Lugano 2007.