Dipartimento federale di giustizia e polizia

Previsto un controprogetto all’iniziativa sul gioco in denaro

Decisione di fondo del Consiglio federale

Comunicati, DFGP, 24.03.2010

Berna. Il Consiglio federale intende accogliere le richieste formulate nell’iniziativa popolare "Per giochi in denaro al servizio del bene comune", eliminandone al contempo le imperfezioni. Presenterà pertanto un controprogetto diretto e raccomanderà di respingere l’iniziativa. Mercoledì ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di preparare un pertinente messaggio.

L’iniziativa popolare "Per giochi in denaro al servizio del bene comune", corredata di 170 101 firme valide e depositata in Cancelleria federale il 10 settembre 2009, chiede una modifica dell’articolo 106 della Costituzione federale per garantire che i giochi in denaro autorizzati dalla Confederazione e dai Cantoni siano messi al servizio dell’utilità pubblica. Gli utili delle lotterie e delle scommesse professionalmente organizzate dovranno essere destinati integralmente a scopi di utilità pubblica, segnatamente in ambito culturale, sociale e sportivo. Infine l’iniziativa chiede la netta distinzione tra competenze federali e cantonali.

Iniziativa popolare lacunosa

Il Consiglio federale ritiene che l’iniziativa popolare restringa il margine legislativo senza risolvere i problemi di delimitazione tra case da gioco da un lato e lotterie e scommesse dall’altro. L’iniziativa mira inoltre a ridurre la competenza legislativa globale della Confederazione in materia di lotterie e scommesse limitandola alla definizione di principi. In tal modo inficia gli sforzi generalizzati tesi ad armonizzare la legislazione rendendo più difficile l’attuazione di una politica integrale e coerente in materia.

Ecco perché il Consiglio federale ha deciso di presentare un controprogetto diretto, stilato da un gruppo di progetto composto da rappresentanti della Confederazione, dei Cantoni, del comitato d’iniziativa e delle cerchie interessate. Alla stregua dell’iniziativa, anche il controprogetto verte sul concetto generico di "gioco in denaro", che oltre ai giochi d’azzardo (lotterie, scommesse e giochi offerti nei casinò) comprende anche i giochi di destrezza. La nuova disposizione costituzionale prevista dal Consiglio federale attribuisce alla Confederazione la competenza legislativa per tutto il settore dei giochi in denaro – tenendo comunque conto degli interessi cantonali. Mentre il capoverso sulle case da gioco corrisponde a quello attuale, un nuovo capoverso sancisce ormai nella Costituzione le competenze cantonali, ossia l’autorizzazione e la sorveglianza delle lotterie, delle scommesse sportive e dei giochi di destrezza.

Organismo comune per coordinare la cooperazione

La Confederazione e i Cantoni dovranno emanare atti normativi e adottare misure di vigilanza per garantire una protezione adeguata dai rischi inerenti al gioco in denaro (dipendenza, riciclaggio di denaro, reati per procurarsi denaro, truffa). Competerà invece ai Cantoni assicurare che i ricavi delle lotterie e delle scommesse vengano destinati integralmente a scopi di utilità pubblica, segnatamente in ambito culturale, sociale e sportivo. Inoltre il capoverso specifica che i giochi mediante comunicazione elettronica non sono riservati né alla Confederazione né ai Cantoni. Infine il controprogetto prevede l’istituzione di un organismo comune per coordinare i lavori in materia e agevolare la cooperazione tra la Confederazione e i Cantoni.

Contatto / informazioni
Monique Cossali, Ufficio federale di giustizia, T +41 31 322 47 89 , Contatto