Dipartimento federale di giustizia e polizia

Uno strumento comune nella lotta contro il razzismo

Il Consiglio federale approva il Protocollo addizionale alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla cibercriminalità

Comunicati, DFGP, 19.09.2003

Berna, 19.09.2003. Il Consiglio federale si impegna per una lotta transnazionale contro il razzismo e la xenofobia diffusi per mezzo di computer e Internet. Venerdì ha approvato il Protocollo addizionale alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla cibercriminalità, il cui scopo è di creare per gli Stati membri regole comparabili nell'ambito della lotta a questo genere di criminalità.

Il Protocollo addizionale contro il razzismo e la xenofobia prevede una pena per atti commessi con motivazioni razziste e per mezzo di un sistema informatico, in particolare la divulgazione di materiale a sfondo razzista, l'offesa pubblica per motivi razzisti nonché la negazione e la minimizzazione di genocidi. Il diritto penale svizzero è compatibile con il Protocollo addizionale; un adeguamento della fattispecie relativa alla discriminazione razziale (art. 261bis del Codice penale) non si rivela necessario. Il Protocollo addizionale rinvia inoltre alle disposizioni procedurali e ai principi di cooperazione internazionale contenuti nella Convenzione sulla cibercriminalità, già firmata dalla Svizzera il 23 novembre 2001.

Contatto / informazioni
Ernst Gnägi, Ufficio federale di giustizia, T +41 31 322 40 81, Contatto