Violenza giovanile

Portata, cause e misure

Di che cosa si tratta ?

A metà degli anni 2000, numerosi episodi di violenza grave da parte di giovani hanno scosso l'opinione pubblica suscitando il timore di un sensibile aumento della propensione alla violenza tra i giovani. Le statistiche non fornivano informazioni esatte circa la portata della violenza giovanile, poiché non vi era rilevata la criminalità sommersa. Tuttavia esse lasciavano comunque presumere un netto aumento della propensione alla violenza. Per contrastare in modo efficiente la violenza giovanile, il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) ha sviluppato soluzioni per i suoi ambiti di competenza e ha allestito un elenco di misure concrete per l'attività delle autorità di polizia, di perseguimento penale, di esecuzione delle pene e in materia di migrazione. Il suo rapporto "Violenza giovanile" dell'aprile 2008 è inteso come complemento del rapporto del Consiglio federale intitolato "I giovani e la violenza − per una prevenzione efficace nella famiglia, nella scuola, nello spazio sociale e nei media", elaborato dal Dipartimento federale dell’interno (DFI) e approvato dal Consiglio federale il 20 maggio 2009.

Sulla base del rapporto del Consiglio federale, la Confederazione, i Cantoni, le Città e i Comuni hanno avviato nell'aprile 2011 un programma comune di prevenzione chiamato "I giovani e la violenza" che è durato fino al 2015. Il programma voleva migliorare le misure per lottare contro i comportamenti violenti dei giovani. Sono a tal fine state promosse la costituzione di reti e la collaborazione, lo scambio di conoscenze, il monitoraggio scientifico delle attuali misure di prevenzione e l'attuazione di progetti modello. Il programma faceva parte della strategia complessiva della Confederazione per la politica dell'infanzia e della gioventù. Nel maggio 2015 il Consiglio federale ha adottato il rapporto "Giovani e violenza – Situazione della prevenzione e interazione con l'intervento e la repressione".

Come previsto, dopo la conclusione del programma la Confederazione ha cessato di sostenere il programma, perché la prevenzione della violenza è compito dei Cantoni, delle città e dei Comuni.

Secondo la statistica delle sentenze penali contro minori dell'Ufficio federale di statistica, il numero delle sentenze per reati violenti (tra l'altro omicidi, lesioni personali, rapina e minaccia) sta complessivamente diminuendo dal 2010.

Cos’è stato fatto finora?

  • Il 3 luglio 2001 il Consiglio federale ha preso conoscenza del rapporto finale del gruppo di lavoro Criminalità degli stranieri (AGAK) (comunicato per i media).
  • Il 29 giugno 2007 il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) invia il rapporto sulla violenza giovanile alle cerchie interessate per parere (comunicato per i media).
  • L’11 aprile 2008 il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) pubblica il rapporto riveduto. Il DFGP intende attuare nei tempi previsti le misure menzionate nella parte III e prendere in futuro tutte le misure che ritiene utili e possibili per lottare contro la violenza giovanile.
  • Il 25 maggio 2009 il Consiglio federale approva il rapporto "I giovani e la violenza - per una prevenzione efficace nella famiglia, nella scuola, nello spazio sociale e nei media" (comunicato per i media).
  • Nel luglio 2009, per la prima volta viene presentata una panoramica della situazione in Svizzera relativa al fenomeno dei "giovani con un’intensa attività delinquenziale" (comunicato per i media).
  • Il 24 febbraio 2010 il Consiglio federale approva il rapporto "Reati commessi in banda. Campagna di sensibilizzazione e adeguamento del diritto penale" in adempimento del postulato Chevier 05.3443 (comunicata per i media).
  • Il 5 aprile 2011 la Confederazione, i Cantoni, le Città e i Comuni hanno avviato il programma di prevenzione comune "I giovani e la violenza" (comunicato per i media).
  • Nel maggio 2013 è stato allestito un bilancio intermedio positivo del programma nazionale di prevenzione "I giovani e la violenza" (comunicato per i media).
  • Nell'aprile 2014 l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS) ha pubblicato il rapporto "Kooperationsmodelle in den Bereichen Prävention, Intervention, Repression" (questo documento non è disponibile in italiano) (comunicato per i media).
  • Nel maggio 2015 il Consiglio federale ha adottato il rapporto "Giovani e violenza – Situazione della prevenzione e interazione con l'intervento e la repressione" (comunicato per i media).

Documentazione

Info complementari

Link

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 13.05.2015

Contatto

Christine Hauri Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 465 15 17
Contatto