Codice di procedura civile: agevolare l’accesso alla giustizia

Parole chiave: Diritto procedurale

Comunicati, Il Consiglio federale, 26.02.2020

Nella pratica il Codice di procedura civile svizzero ha dato buoni risultati. Il Consiglio federale propone tuttavia modifiche mirate volte ad agevolare l’accesso alla giustizia per i privati e le imprese e quindi migliorare ulteriormente l’applicazione del diritto. A tal fine intende adeguare il diritto in materia di spese giudiziarie. Nella seduta del 26 febbraio 2020 ha preso atto dei risultati della consultazione e licenziato il messaggio all’attenzione del Parlamento. Le proposte a favore di un rafforzamento dell’applicazione collettiva del diritto, essendo state molto controverse, sono scorporate dal presente progetto e trattate separatamente.

Nel complesso, il Codice di procedura civile (CPC), entrato in vigore il 1° gennaio 2011, ha dato buoni risultati. Solo in singoli punti vi è un margine di miglioramento, in particolare per quanto riguarda le spese giudiziarie, la possibilità di coordinare le procedure e la tutela giurisdizionale collettiva. L’ampia maggioranza dei partecipanti alla consultazione ha sostenuto esplicitamente le finalità e l’orientamento dell’avamprogetto elaborato dal Consiglio federale in adempimento della mozione 14.4008 "Adeguamento del Codice di procedura civile" volta a eliminare i punti deboli constatati.

Agevolare l’accesso alla giustizia

Il Consiglio federale mantiene le linee principali dell’avamprogetto, secondo il quale occorre dimezzare le anticipazioni delle spese processuali, che rappresentano oggi un ostacolo concreto all’accesso alla giustizia soprattutto per il ceto medio. In tal modo, in futuro anche le persone che non hanno diritto al gratuito patrocinio potranno far valere più facilmente le loro pretese in giustizia. Rispetto all’avamprogetto, il disegno prevede tuttavia delle eccezioni al dimezzamento tenendo così conto delle preoccupazioni espresse in sede di consultazione.

Il disegno modifica anche il disciplinamento della liquidazione delle spese giudiziarie. Queste ultime saranno sostanzialmente compensate con gli anticipi prestati dalla parte condannata a pagare le spese. Inoltre, l’eventuale scoperto sarà riscosso o l’eventuale eccedenza sarà restituita. In questo modo non saranno più le parti a sopportare il rischio legato all’incasso della parte vincente, ma lo Stato. La giustizia è un compito che spetta essenzialmente allo Stato. Con questi due adeguamenti, il Consiglio federale tiene conto del coro di critiche suscitato dal vigente diritto in materia di spese giudiziarie, senza interferire nella sovranità tariffale dei Cantoni.

Rafforzare la certezza del diritto

Il Consiglio federale intende inoltre semplificare il coordinamento delle procedure e rafforzare in modo mirato la consolidata procedura di conciliazione. La procedura del diritto di famiglia sarà sottoposta agli adeguamenti specifici proposti dall’avamprogetto e migliorata anche in altri punti. In questo modo il Consiglio federale tiene conto dei corrispondenti riscontri espressi in sede di consultazione. Saranno inoltre codificate importanti conclusioni della giurisprudenza del Tribunale federale.

Questi adeguamenti sono volti in particolare a migliorare la certezza e la chiarezza del diritto e a promuovere ulteriormente la facilità d’uso del CPC.

Trattamento separato della tutela giurisdizionale

Ad essere fortemente contestate in sede di consultazione sono state solo le proposte volte a rafforzare l’applicazione collettiva del diritto in caso di danni di massa o diffusi. Per non pregiudicare la parte ampiamente incontestata, il Consiglio federale ha quindi deciso di scorporare la questione della tutela giurisdizionale collettiva dal presente progetto e di trattarla separatamente. Il trattamento separato della mozione 13.3931 "Promozione e ampliamento degli strumenti di applicazione collettiva del diritto" permette di tenere in considerazione gli ulteriori sviluppi nonché i lavori e i dibattiti parlamentari.

Info complementari

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 26.02.2020

Contatto

Contatto / informazioni

Philipp Weber Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 465 32 09
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina