Il Consiglio federale intende consentire l’iscrizione nel registro dello stato civile dei bambini mai nati

Parole chiave: Stato civile

Comunicati, Il Consiglio federale, 03.03.2017

Berna. In futuro si vuole dare la possibilità ai genitori di bambini mai nati (aborti spontanei) di far iscrivere la nascita presso l’ufficio dello stato civile nel registro dello stato civile. È quanto propone il Consiglio federale in un rapporto pubblicato il 3 marzo 2017. Un’iscrizione nel registro dello stato civile può facilitare l’elaborazione del lutto da parte dei genitori e contribuire ad agevolare le formalità cantonali e comunali inerenti a un’eventuale inumazione. Tale possibilità è istituita nel quadro di progetti già in corso.

Secondo il diritto vigente, nel registro dello stato civile sono iscritti soltanto i bambini nati vivi e quelli nati morti. Sono considerati nati morti i bambini che alla nascita hanno un peso di almeno 500 grammi o un’età di gestazione di almeno 22 settimane completate. Se invece un bambino alla nascita non dà segni di vita e non raggiunge i 500 grammi o un’età di gestazione di almeno 22 settimane, è considerato mai nato e oggigiorno non viene iscritto nel registro dello stato civile. Per tale motivo il postulato 14.4183 ha chiesto al Consiglio federale di esaminare le possibilità di migliorare il quadro normativo.

L’iscrizione nel registro dello stato civile può aiutare a elaborare il lutto

Nel suo rapporto, in sintonia con la prassi di altri Paesi europei, il Consiglio federale propone di consentire ai genitori di bambini mai nati di iscriverli volontariamente nel registro dello stato civile. La loro iscrizione avverrà ricorrendo alle medesime modalità che si applicano per la documentazione di bambini nati morti. Il rapporto rileva che una documentazione consente ai genitori di elaborare più facilmente il lutto e, ove le disposizioni cantonali o comunali in materia di sepolture prevedono un’inumazione, semplifica anche le pertinenti formalità.

Affinché i bambini mai nati possano essere iscritti nel registro dello stato civile, occorre adeguare l’ordinanza sullo stato civile. Sono inoltre necessari adattamenti di carattere tecnico del registro in questione. Tali adeguamenti sono già oggetto di progetti in corso.

Info complementari

Documentazione

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 03.03.2017

Contatto

Contatto / informazioni

Natalie Mégevand Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 462 40 37
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina