Julio Rocha accetta l’estradizione in Nicaragua

Parole chiave: Corruzione | Estradizione

Informazioni, UFG, 14.08.2015

Oggi nel corso di un’audizione, Julio Rocha – già presidente della federazione di calcio del Nicaragua e già funzionario della FIFA – ha acconsentito di essere estradato in Nicaragua. Il 10 agosto 2015 l’Ambasciata di Nicaragua a Berna aveva trasmesso una formale domanda d’estradizione all’Ufficio federale di giustizia (UFG).

Le autorità inquirenti nicaraguegne, alla stregua di quelle statunitensi, sospettano Rocha di aver abusato del proprio mandato per arricchirsi indebitamente. Rocha avrebbe accettato bustarelle da una società statunitense di marketing sportivo riservandole un accesso privilegiato ai diritti di commercializzazione di partite di calcio.

L’UFG ha autorizzato senza indugio l’estradizione semplificata, fermo restando l’eventuale precedenza della rogatoria statunitense. In tal caso spetterà alle autorità statunitensi cedere la precedenza al Nicaragua. Se non lo fanno, la decisione compete all’UFG, che deciderà fondandosi sull’articolo 17 del trattato di estradizione con gli Stati Uniti, ossia tenendo conto di «tutte le circostanze e soprattutto, ma non esclusivamente, della gravità relativa e del luogo dei reati, delle date di ricezione delle domande d'estradizione, della cittadinanza dell'individuo perseguito nonché della possibilità di un'ulteriore estradizione a un altro Stato».

La Svizzera e il Nicaragua non hanno stipulato nessun trattato di estradizione. La legge federale sull’assistenza internazionale in materia penale (AIMP) consente tuttavia di estradare una persona anche in assenza di un trattato bilaterale.

Info complementari

Documenti

Traduzione in spagnolo

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 14.08.2015

Contatto

Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 462 48 48
Contatto