Riabilitati gli internati amministrativi

Comunicati, Il Consiglio federale, 21.05.2014

Berna. Mercoledì il Consiglio federale ha posto in vigore al 1° agosto 2014 la legge federale sulla riabilitazione delle persone internate sulla base di una decisione amministrativa, riconoscendo quindi giuridicamente i torti inflitti alle vittime. La nuova legge prevede inoltre l’elaborazione scientifica dei fatti e garantisce la conservazione dei pertinenti atti, nonché il diritto di consultarli.

La legge trae origine dall’iniziativa parlamentare "Riabilitazione delle persone internate su decisione amministrativa" (11.431). È stata adottata dal Parlamento nella sessione primaverile ed entrerà in vigore a condizione che il termine referendario del 10 luglio 2014 scada inutilizzato.

Tre misure

La legge intende rendere giustizia alle persone internate su decisione amministrativa. Concretamente si tratta di persone collocate in istituti su decisione delle autorità amministrative, senza processo e in seguito ad accuse di "oziosità", "condotta dissoluta" o "vita sregolata".

Queste persone saranno ora riabilitate grazie a tre misure. Primo, i torti inflitti alle vittime sono riconosciuti per legge. Secondo, questo fosco capitolo della storia sociale svizzera va rielaborato in termini scientifici; nella seconda metà dell’anno il Consiglio federale incaricherà infatti una commissione indipendente di analizzare gli internamenti amministrativi tenendo conto anche di altre misure coercitive a scopo assistenziale. Terzo, la legge impone alle autorità federali, cantonali e comunali di conservare i pertinenti atti e garantisce agli interessati l’accesso semplice e gratuito agli atti.

La legge non crea un diritto al risarcimento, alla riparazione morale o ad altre prestazioni finanziarie. Come affermato dal Consiglio federale a novembre 2013 nel suo parere sulla nuova legge, non è tuttavia escluso l’esame di prestazioni finanziarie tenendo conto della situazione delle vittime di qualsiasi misura coercitiva a scopo assistenziale e di altri collocamenti extrafamiliari.

Lavori della tavola rotonda

La tavola rotonda per le vittime di misure coercitive a scopo assistenziale e di collocamenti extrafamiliari, istituita dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga nella primavera del 2013, si è detta favorevole a tali prestazioni. Ha creato un fondo per l’aiuto immediato, gestito dalla Catena della Solidarietà, e accoglierà le domande delle vittime a partire da giugno. A settembre la Catena della Solidarietà dovrebbe procedere ai primi versamenti.

Oltre a tale aiuto immediato – temporaneo e a titolo volontario – la tavola rotonda sta elaborando anche una proposto per la creazione di un fondo di solidarietà, finanziato prevalentemente dallo Stato. Tale soluzione presuppone la creazione di una base legale. La decisione sulla realizzazione di questo fondo e sulle prestazioni finanziarie da fornire spetta al Consiglio federale e al Parlamento.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 21.05.2014

Contatto

Contatto / informazioni

Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 462 48 48
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina