Una dichiarazione d’intenti per risolvere la questione giurassiana

Parole chiave: Cantoni

Comunicati, DFGP, 20.02.2012

Berna. Nell’ambito di una conferenza tripartita presieduta dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia, i governi della Repubblica e Cantone del Giura e del Cantone di Berna hanno firmato una dichiarazione d’intenti in cui affermano la loro volontà comune di risolvere la questione istituzionale giurassiana. Concluso in seguito a negoziati bilaterali, tale accordo prevede l’organizzazione di due votazioni popolari simultanee nel Cantone del Giura e nel Giura bernese. Prevede inoltre che in un secondo tempo i Comuni possano far valere il loro diritto in materia di appartenenza cantonale.

Diciotto anni dopo la firma dell’Accordo del 25 marzo 1994 che aveva istituito l’Assemblea intergiurassiana (AIJ), è stato compiuto un passo importante nel dialogo intergiurassiano. In una dichiarazione comune firmata lunedì in presenza della consigliera federale Simonetta Sommaruga, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia, e di Dick Marty, presidente dell'AIJ, i governi giurassiano e bernese si impegnano affinché la popolazione del Cantone del Giura e del Giura bernese possa pronunciarsi sul suo futuro istituzionale.

Il processo prevede l’organizzazione di due votazioni su scala regionale: una nel Cantone del Giura e l’altra nel circondario amministrativo del Giura bernese. Per rispettare il diritto in vigore in ciascun Cantone, tali votazioni avranno il medesimo oggetto, ma differiranno sul piano formale. Mentre lo scrutinio organizzato nel Cantone del Giura riguarderà una modifica della Costituzione cantonale, quello svolto nel Giura bernese sarà consultivo. Le due votazioni verteranno sull’opportunità di avviare un processo teso alla creazione di un nuovo Cantone che includa gli attuali territori del Giura bernese e del Cantone del Giura.

In caso di doppio risultato positivo, i due Governi elaboreranno un concordato intercantonale che definirà la procedura da applicare, in particolare l’elezione di un’Assemblea costituente. Se invece almeno una delle due votazioni registrerà un risultato negativo, il progetto di creare un nuovo Cantone sarà abbandonato.

La dichiarazione d’intenti comprende un articolo riguardante il diritto dei Comuni. Il Consiglio di Stato bernese si impegna, su richiesta di un Comune del Giura bernese presentata entro due anni dalle votazioni menzionate, a proporre al Gran Consiglio le basi legali adeguate che consentano di organizzare votazioni comunali sull’aggregazione dei Comuni in questione alla Repubblica e Cantone del Giura e di mantenere nel Cantone di Berna i Comuni che non intendono aggregarsi nel caso in cui la maggior parte della popolazione del Giura bernese decidesse di partecipare alla creazione di un nuovo Cantone.

Per i due governi, la questione giurassiana ai sensi dell’Accordo del 25 marzo 1994 sarà considerata risolta una volta conclusi i processi descritti nella dichiarazione d’intenti. L'Accordo del 25 marzo 1994 sarà privo di oggetto e l’Assemblea intergiurassiana sarà sciolta.

Nei prossimi mesi i due esecutivi porranno in consultazione il progetto e saranno adottati i messaggi all’attenzione dei rispettivi legislativi cantonali. Nel Cantone del Giura, il Parlamento dovrà pronunciarsi sulla modifica della Costituzione cantonale prima che questa possa essere sottoposta al voto del Popolo. Nel Cantone di Berna, il Consiglio di Stato proporrà al Gran Consiglio di modificare la legge sullo statuto speciale del Giura bernese, in modo da permettere l’organizzazione di una votazione consultiva in questa regione.

I due governi si impegneranno affinché il processo prosegua in un clima sereno e nel rispetto dei principi democratici.

Infine, i partecipanti alla conferenza tripartita hanno esaminato il rapporto annuale 2011 dell’AIJ, convenuto che gli archivi dell’AIJ saranno depositati presso gli archivi federali e prorogato il mandato di Dick Marty alla presidenza dell’Assemblea intergiurassiana fino alla fine del 2014.

Info complementari

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 20.02.2012

Contatto

Contatto / informazioni

Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto